0 0
Le frittelle di riso e arancio di Piazza del Campo

Condividere sui social network:

Oppure si puoi condividere questa URL

Ingredienti

350 gr. Riso
1 lt. Acqua
q.b. Scorza grattugiata di un arancio Scegliere un arancio grande
Un pizzico Sale
1,5 lt. Olio per friggere
30 gr. Zucchero semolato
30 gr. Zucchero vanigliato

Le frittelle di riso e arancio di Piazza del Campo

Cucina:
  • 14 minuti
  • Dosi 4
  • Facile

Presentazione

Le frittelle dolci di riso all’arancio, sono un’ottima idea per una merenda o uno spuntino veloce e gustoso.

(Visite 1.228 volte, 1 visite oggi)

Fasi

1
Fase

Mettere a freddo in un litro e un bicchiere d'acqua, 3 etti di riso, una scorza d'arancio grattugiata e un pizzico di sale.

2
Fase

Far cuocere a fuoco lentissimo fino a che l'acqua non è completamente assorbita dal riso che nel frattempo si deve sfare.

3
Fase

Si lascia a riposo in frigo almeno un giorno (massimo 2 giorni).

4
Fase

Poi si lavora a lungo insieme a un etto e mezzo di farina.

5
Fase

Quando l'amalgama è omogeneo si mettono a friggere le frittelle in un tegame dove l'olio sia abbondante (tegame preferibilmente alto e stretto) usando un cucchiaino che via via intingeremo nell'olio per non far attaccare il composto (ogni 3 o 4 cucchiaiate del composto)
L'amalgama per essere usato deve essere spianato su di una copertoia (coperchio) lasciandolo con un'altezza di circa 3 centimetri.

6
Fase

Far cuocere l'olio inizialmente a fuoco molto intenso poi, una volta immessa una quantità per una quindicina di frittelle, abbassare e continuare fino a che le frittelle non si sono gonfiate e dorate, usando l'accorgimento di rigirarle spesso.

7
Fase

Mettere a scolare su di un foglio di carta e zuccherarle (metà zucchero e metà vaniglia).

gina

Senese di nascita, da sempre Gina ama cucinare e, ovviamente, mangiare. I piatti della tradizione sono da lei rivisitati con ingredienti o procedure che sanno dargli quel tocco in più. Scopri i segreti della sua cucina seguendo passo passo le prelibate ricette...

Recensioni Ricetta

Non ci sono ancora commenti per questa ricetta, sii il primo a recensirla
precedente
Le castagnole
successivo
Pan co’ Santi e Pecorini

Aggiungi il tuo commento